Cerca nel blog

martedì 23 settembre 2014

Che cos'è un formatore?

Sicuramente colui che non si appropria delle idee di un altro spacciandole per proprie, colui che insegna solo ciò che sa veramente fare, colui che crede in un’etica professionale. Sono anni che costruisco tutti i percorsi formativi del Metodo Teatro in Gioco, lavorando sulle mie risorse e sulle mie idee (fiabe interattive, personaggi che nascono dalla borsa delle storie, giochi teatrali strutturati a misura di bambino, filastrocche e percorsi espressivi, rituali, struttura,ecc). Quando utilizzo (nei miei corsi) attività tratte da altre metodologie - sempre universalmente conosciute - (Stanislavkij, Grotowski, percorsi di danza educativa, attività sensoriali) cito sempre le fonti perché questo mi sembra semplicemente scontato. In questi 15 anni di attività non è certo la prima volta che trovo concetti espressi da me sul fare teatro con i bambini (tratti dai miei libri o dalle dispense che scrivo) riportate da altri (senza citazione ovviamente) come se fossero idee originali e personali.. a volte, firmate da altri! Tipo:
1) le maestre della Scuola. “..” di un paese dell’Emilia Romagna che presentavano su un giornale locale un progetto (mio) a nome loro, articolando tutta una serie di considerazioni e riflessioni (mie) a nome loro. Un po’ mi fa anche sorridere..evidentemente c’è poca creatività da mettere in campo, o peggio, assoluta mancanza di idee proprie tale da dover “ingoiare” le idee degli altri per comunicare un pensiero. Se un po’ mi fa sorridere mi fa anche molto incazzare, perché l’etica non dovrebbe essere qualcosa che se c’è o non c’è è la stessa cosa, perché nel lavoro (e nella vita) credo che il rispetto dovrebbe essere un principio fondante di ogni rapporto, relazione, scambio. E spesso, con tanta superficialità (e non credo sia ingenuità!) e a volte con una buona dose di furbizia non ci si rende conto di prendersi gioco del  lavoro degli altri. Come quando
2)  mi ritrovo spiattellata su una pagina fb  la dicitura, con grafica stile supermercato: "Teatroingioco..piccoli e grandi..tutti insieme a fare teatro, tutti insieme in allegria!" Il tutto dentro una stella gialla (tipo: offerta speciale oggi trippa!) e in più, dopo qualche riga di spiegazione del laboratorio mi ritrovo citata: Helga Dentale mi ha insegnato a fate teatro con piccoli e grandi.. come dice Helga Dentale il teatro è.. ecc. ecc.. Peccato che io questa tizia non l’abbia mai conosciuta! Certo poi le scrivi....le ricordi, come a tutti, che il Metodo è tutelato e non si può usare..le dici che non la conosci nemmeno..lei si scusa..aveva scritto male, è stato un errore di ingenuità..forse un errore del grafico..bla bla bla!!! 
Oppure appropriazioni più innocue e simpatiche, che davvero mi fanno sorridere, tipo con le fiabe.. 
3) trovi su internet una che scrive di aver inventato una fiaba che "spopola" con i bambini a scuola (mi fa piacere!) ed è la fiaba della mano Caterina e del piede Giacomone! Che coincidenza, esattamente come la mia fiaba pubblicata nel mio libro Io racconto..tu ascolti..insieme giochiamo! Toh..come è piccolo il mondo! (di internet..che tanto prima o poi trovi tutto! E' un mare dove ogni cosa viene a galla)
Di simpatici aneddoti ce ne sarebbero tanti altri..anzi..magari ci scrivo una rubrica, anche con nomi e cognomi così gli ingenui fanno più attenzione la prossima volta.. Ma oggi, la goccia che ha fatto traboccare il vaso è 
4) questo avviso pubblico, trovato per caso girando su google..dove la spiegazione del corso per “Animatori animatrici Mini club e teatro ludico” è…rullo di tamburi.. la mia!!!!!! 

Corso di Animatore/Animatrice MINI-CLUB e TEATRO LUDICO
Il percorso formativo della durata di 40 ore è volto all’orientamento professionale nel campo dell’animazione turistica nella mansione specifica di Animatore/Animatrice mini-club e teatro ludico.
Il corso verterà sulle seguenti unità formative:
costruzione dello spazio teatro-gioco, rilassamento e percorsi di movimento creativo, pittura gestuale (giochi espressivi con il corpo e con la voce, alfabetizzazione emotiva, personaggio teatrale, lavoro sulla fiaba interattiva come strumento espressivo e didattico da raccontare ed elaborare),improvvisazione e giochi teatrali, ritmo e danza creativa.
Il corso sarà tenuto dalla docente Maria Anna Salvemini, esperta in attività teatrali, musical e metodologie per l’infanzia e l’adolescenza

Esattamente un copia incolla preciso preciso della scheda illustrativa del corso Lo Spazio Teatro Gioco (Metodo Helga Dentale Teatro in Gioco) Ciò che trovo vergognoso sinceramente è che la docente non abbia neanche trovato parole ed idee personali per raccontare e descrivere il suo percorso formativo. Ma come è possibile? Questo è insegnare? Questo è eticamente corretto, non solo verso me (il male minore, io lo so che è il mio programma e lo faccio da anni..ma soprattutto avendolo scritto riconosco il senso che ho attribuito ad ogni tematica!) ma quello che veramente mi chiedo: questo è eticamente corretto verso i corsisti che leggeranno questo programma per iscriversi? 
 



4 commenti:

  1. ?!?! ... gulp ... sob ... sigh ... gasp ... non ci sono parole ... ce ne scrivi qualcuna tu così poi le copiamo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    2. ..Come vedete preferisco non sbilanciarmi..non si sa mai :) Io penso solo che basterebbe fare il proprio lavoro con correttezza, serietà, competenza.. si eviterebbero queste situazioni! Trovo davvero triste e patetico tutto ciò..la necessità di rubare idee, pensieri, progetti.. come dite voi non ci sono parole!

      Elimina